Gli interventi incentivabili

Gli interventi incentivabili

Sono incentivabili i seguenti interventi di incremento dell'efficienza energetica in edifici esistenti, parti di edifici esistenti  o unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, dotati di impianto di climatizzazione :

  • isolamento termico di superfici opache delimitanti il volume climatizzato ;
  • sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi delimitanti il volume climatizzato ;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti  con impianti di climatizzazione invernale utilizzanti generatori di calore a condensazione;
  • installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di chiusure trasparenti con esposizione da Est-Sud-Est a Ovest, fissi o mobili, non trasportabili .

Sono incentivabili i seguenti interventi di piccole dimensioni di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di sistemi ad alta efficienza :

  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti  con impianti di climatizzazione invernale dotati di pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di riscaldamento  delle serre esistenti e dei fabbricati rurali esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore alimentato da biomassa;
  • installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling;
  • sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore.

Gli interventi realizzati su edifici nuovi o sottoposti a ristrutturazioni rilevanti accedono agli incentivi limitatamente alla quota eccedente quella necessaria per il rispetto dei medesimi obblighi.

 

Edifici esistenti e fabbricati rurali esistenti Articolo 2 - Lettera g) - DECRETO MINISTERIALE del 28 dicembre 2012 

Edifici e fabbricati rurali, comprese le pertinenze, iscritti al catasto edilizio urbano o per i quali sia stata dichiarata la fine lavori e sia stata presentata la richiesta di iscrizione al catasto edilizio urbano antecedentemente alla data di entrata in vigore del Conto Termico o per i quali sia stata dichiarata la fine lavori antecedentemente alla data di emanazione del presente decreto e sia stata avviata la procedura di affidamento dell’incarico ad un professionista, la procedura di accatastamento dell’immobile in data antecedente alla data di presentazione dell’istanza di incentivazione.

 

Interventi sull’involucro di edifici esistenti Articolo 2 - Lettera e) - DECRETO MINISTERIALE del 28 dicembre 2012 

Interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture, anche inclinate, e pavimenti), fnestre comprensive di infissi, strutture tutte delimitanti il volume riscaldato, installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento fissi e mobili, verso l’esterno e con esposizione da Est-Sud-Est a Ovest che rispettano i requisiti di ammissibilità previsti dal "Conto termico".

 

Interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale Articolo 2 - Lettera f) - DECRETO MINISTERIALE del 28 dicembre 2012 

Interventi di sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con gli impianti di climatizzazione invernale utilizzanti generatori di calore a condensazione, pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica e generatori di calore alimentati da biomassa e contestuale messa a punto ed equilibratura dei sistemi di distribuzione, regolazione, e controllo, ed introduzione, nel caso di impianti centralizzati al servizio di più unità immobiliari, di un efficace sistema di contabilizzazione individuale dell’energia termica utilizzata e conseguente ripartizione delle spese.

 

Interventi di piccole dimensioni di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e con sistemi ad alta efficienza Articolo 2 - Lettera c) - DECRETO MINISTERIALE del 28 dicembre 2012 

Interventi di installazione di impianti termici, con potenza termica nominale complessiva , con riferimento al singolo edificio, unità immobiliare, fabbricato rurale o serra, inferiore a 1000 kW. Per gli interventi di installazione di collettori solari termici, si intendono esclusivamente gli interventi di installazione di impianti solari termici con superficie solare lorda dei collettori solari inferiore a 1000 metri qudri.

 

Potenza termica nominale di un impianto termico Articolo 2 - Lettera a) - DECRETO MINISTERIALE del 28 dicembre 2012 

Somma delle potenze nominali, come dichiarate dal costruttore, degli impianti oggetto dell'intervento. Per gli interventi che riguardano la sostituzione di generatori di calore si utilizza come grandezza di riferimento la potenza termica nominale utile, con l'esclusione degli interventi di installazione di generatori a condensazione per i quali si fa riferimento alla potenza termica nominale al focolare.

 

Normativa e prassi

DECRETO MINISTERIALE del 28 dicembre 2012 (Ministero dello Sviluppo Economico)

REGOLE APPLICATIVE del 9 aprile 2013 (Gestore Servizi Energetici)

 

 

 

 


Lascia un commento...